“Linux ed il mistero della memoria scomparsa”, a Natale nei cinema!

GNU/Linux memoriaSicuramente molti di voi conoscono il fantastico tool “free” che ci permette di controllare lo stato della memoria sul nostro sistema GNU/Linux

$ free -m
             total       used       free     shared    buffers     cached
Mem:           870        181        689          0          4         34
-/+ buffers/cache:        142        727
Swap:         2551         10       2541

inoltre, tutti sanno che per capire quanta RAM è libera su sistema, bisogna sommare il valore della colonna “free” con quello di “buffers” e “cached”, quindi nel mio caso parliamo di 727Mb liberi.

Questo, non è del tutto vero, ed ora vi illustro il perché:

             total       used       free     shared    buffers     cached
Mem:           870        833         37          0        274         33
-/+ buffers/cache:        525        345
Swap:         2551         10       2541

quello riportato è relativo allo stesso sistema GNU/Linux e la quantità di memoria disponibile non è 344Mb, ma praticamente, la stessa di prima! ;)
Leggi il resto dell’articolo

Google Reader: “Non disponi dell’autorizzazione necessaria per visualizzare questo feed”

Un post al volo per chi, come me, usa Google Reader ed alcune volte gli viene visualizzato l’errore “Non disponi dell’autorizzazione necessaria per visualizzare questo feed“…

Google Reader

Non preoccupatevi… nel 99% dei casi è solo un problema di puntamento del browser, invece di usare http, vi conviene usare https ;)

Carambola, andiamo avanti… Bottle!

Come ben sapete ultimamente sto giocherellando un po con Carambola, utilizzando python e pyserial per interfaccialo con Arduino, ma purtroppo non è tutto rose e fiori, anzi…

Come abbiamo visto la volta scorsa, su Carambola abbiamo dovuto installare il pacchetto python-mini perché il sistema non ha sufficiente spazio per poter ospitare la versione full, questo da un lato ci consente di poter usufruire del linguaggio ma non di tutte le librerie solitamente installate, e può quindi capitare di riscontrare errori del tipo

ImportError: No module named XXXXXXXX

Ma andiamo per ordine… per il progettino sto utilizzando una framework python molto interessante, Bottle un micro web-framework WSGI molto semplice e veloce che mi consentirà di comandare la “coppia” Carambola & Arduino tramite chiamate ad un server HTTP integrato nel framework! Bello no?!?!?!

Bottle

Altra importante caratteristica è che non necessita di librerie aggiuntive, se non quelle della libreria standard di python… e qui iniziano i problemi, si perché come dicevo prima, non tutte le librerie standard sono installate… :(

Leggi il resto dell’articolo

Carambola, python e la seriale

Dopo 19 giorni di attesa finalmente è arrivata Carambola!

Carambola

Carambola

E’ un hardware molto interessante che ha subito attirato la mia attenzione perché basato un System on Chip Wi-Fi che usa GNU Linux (OpenWRT) come sistema operativo.

Ma veniamo al dunque… Ultimamente sto “giocando” con Arduino, un ottimo micro-processore Open Source e… MADE IN ITALY! Però non adatto ad eseguire operazioni un po troppo complesse, vuoi per la poca RAM a disposizione, vuoi per  la relativa lentezza del processore… ed ho quindi deciso di affiancarci un sistema un po più performante, non un PC a tutti gli effetti ma un sistema che poteva garantirmi l’esecuzioni di operazioni un po più complesse, ed ho quindi scelto Carambola.
Leggi il resto dell’articolo

SVN, cambio server

Ieri (ma chi mi segue su FB o G+ lo sa già) ho comprato un nuovo serverino per i miei esperimenti casalinghi che andrà a sostituire il precedente :)

HP ProLiant MicroServer

Come avrete notato, utilizzo un server svn via ssh, si è quindi reso necessario eseguire il trasferimento del repository

A livello di server è stato semplicissimo, ho installato svn

sudo apt-get install subversion

creato il nuovo utente

sudo adduser svn

nella home trasferito il file .ssh/authorized_keys (mantenendo gli stessi permessi), e trasferito anche la cartella /srv/svn dove era registrato il repository del vecchio server.

Sul server ho finito, ora mi manca solo di aggiornare i client… a dir la verità, mi immaginavo scenari infernali con errori, file persi, bambini che piangevano, …, in realtà è stato più semplice di quanto credessi, un solo comando:

svn switch --relocate svn+ssh://svn@server1 svn+ssh://svn@server2

Magari lo sapevate già, un comando banale… beh, io non lo sapevo! :)

…Sta arrivando…

image

:-)

Il Javaday cambia e diviene Codemotion

Per quattro anni il Javaday Roma ha offerto un evento unico in Italia per contenuti, affluenza e spirito. L’atmosfera trascinante del Javaday ha saputo conquistare e coinvolgere i partecipanti e gli sponsor. Per continuare ad essere la manifestazione di riferimento degli sviluppatori, il Javaday si evolve e diviene Codemotion.

Codemotion

Codemotion compie un grande salto rispetto al Javaday: apre a tutti i linguaggi e tecnologie, catalizzando ancora di più sorgenti di creatività e opportunità di lavoro. Infine, sposta l’attenzione da un prodotto (Java, a suo tempo di Sun, ora di Oracle) ad una disciplina: la programmazione, a vantaggio di tutti.

Il Codemotion si terrà a Roma il 5 marzo 2011.
L’ingresso all’evento è come sempre gratuito.
Per ogni informazione: http://www.codemotion.it

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 113 follower